Privacy in condominio

Inviato da Signor L.

Domanda :

casa-001Salve.
Abito in un condomino di 25 persone, sono in ritardo con alcuni pagamenti perché ho perso il lavoro. Rientrando a casa la settimana scorsa ho visto che sulla bacheca del condominio dietro la porta di ingresso c’era un foglio con scritto che il sottoscritto era pregato di pagare il debito pari ad euro …
Ma è legale questa cosa?

Risposta :

Gentilissimo signor L. Ciò che lei mi espone sembrerebbe contrario alle norme dettate dal codice in materia di protezione dei dati personali. In particolare anche la Corte di Cassazione ha avuto occasione di pronunciarsi su tale fattispecie, del tutto identica alla sua, stauendo che: "La disciplina del codice in materia di protezione dei dati personali, di cui al D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, prescrivendo che il trattamento dei dati personali avvenga nell'osservanza dei principi di proporzionalità, di pertinenza e di non eccedenza rispetto agli scopi per i quali i dati stessi sono raccolti, non consente che gli spazi condominiali, aperti all'accesso a terzi estranei al condominio, possano essere utilizzati per la comunicazione di dati personali riferibili al singolo condomino; pertanto – fermo il diritto di ciascun condomino di conoscere, anche su propria iniziativa, gli inadempimenti altrui nei confronti della collettività condominiale – l'affissione nella bacheca dell'androne condominiale, da parte dell'amministratore, dell'informazione concernente le posizioni di debito del singolo partecipante al condominio,  risolvendosi nella messa a disposizione di quel dato in favore di una serie indeterminata di persone estranee, costituisce un'indebita diffusione, come tale illecita e fonte di responsabilità civile". Oltre a ciò merita aggiungere che, nel caso di specie, l'affissione del famigerato "foglio" integrebbe il delitto di diffamazione, punito dall'art. 595 c.p. con la reclusione fino ad un anno e con la multa fino a 1032,91 euro. Cordiali Saluti Avv. Marco Bini