Campi Bisenzio: teenegers in coda per Hollister al centro commerciale I Gigli

bagnini stile baywatch davanti all’ingresso. I teenagers in coda sono stati coinvolti dallo staff dello store californiano a preparare l’apertura con gridolini, mimica di onde insieme a due “bagnini” che hanno attirato gli sguardi delle giovani in coda e di qualche mamma. Barbara e Ilaria hanno 16 anni e sono arrivate alle 7.45 al centro commerciale e si sono messe in coda. Accanto a loro la mamma di Barbara. “Volevano partire alle 5 e mezza – dice – una levataccia che non avrebbero fatto certo per andare a scuola, ho insistito e siamo partite alle 6.30 da Pontassieve”. Altre due giovani attendono l’apertura del negozio vestite come in un telefilm americano, arrivano da San Casciano, la mamma le accompagna. Monica è la mamma di una 15enne che si è messa in coda, arriva da Lucca. “Non so bene che cosa vendano – dice – l’ho accompagnata ma l’aspetto fuori”. La lunga attesa si conclude quando dopo le esibizioni con battimani, ola, gridolini e foto di gruppo, lo staff di Hollister ritiene che i clienti siano pronti per l’acquisto. Ai primi “fortunati” la foto con i “bagnini” e poi dentro nel mondo delle magliette ultra small. Tra le prime ad uscire Sandra di Sesto Fiorentino, mostra lo stopper con il marchio del brand californiano. “Ho acquistato una maglietta per mio figlio – dice – 48 euro. Conoscevo il marchio, lo avevo visto a Milano”. Tuela è giovanissima ha speso 265 euro e nello stopper con il bagnino in bianco e nero ha conquistato 3 felpe, due maglie e un golfino. Viene da Vinci con la mamma Edi anche lei, felice di essere stata tra le prime ad entrare nel negozio. “Ci sono 40 commessi – dice Edi – che in inglese ci consigliano”.