Sesto Fiorentino: Canzi (Prc) “le dimissioni di Ferrucci sono un gesto politico. Da tempo muoviamo una critica al Gianassismo”

SESTO FIORENTINO – Le dimissioni del Consigliere Ferrucci dei Democratici per Sesto dalla vice presidenza del Consiglio è un gesto politico di assoluta coerenza con il mandato elettorale ricevuto dalla Lista Civica che rappresenta. E’ quanto afferma il segretario del Prc, Sergio Canzi aggiungendo che “il Prc, apprezza l’onestà politica del consigliere Ferrucci, che preso atto dell’impossibilità di portare avanti i diritti delle minoranze e di tutelarne i diritti, si è dimesso”. “Condividiamo appieno le motivazioni addotte – prosegue Canzi in una nota – che risiedono nella critica mossa nei confronti di una maggioranza e di una Amministrazione, che assume atteggiamenti politici di estrema chiusura e di massima autoreferenzialità. Da tempo muoviamo una profonda critica al ‘Gianassismo’, che si è auto affrancato con una gestione ‘peronista’ dell’Amministrazione della nostra comunità. Le dimissioni di Ferrucci costituiscono una ulteriore denuncia delle difficoltà e dell’isolamento politico di un sindaco costantemente sordo e indifferente alle richieste di democrazia partecipativa. Non sente il dissenso crescente nel suo stesso Partito, che come si è evidenziato nell’ultimo congresso cittadino con una minoranza interna che sfiora il 35%, non coglie il segnale politico del voto sulla società della salute, che lo a visto in un assordante solitudine visto il voto contrario del suo stesso gruppo dirigente”. Canzi aggiunge che “le dimissioni di Ferrucci rientrano in una visione di richiesta di democrazia dal basso, che accomuna il Prc e la Lista Civica è un’ulteriore passo in avanti, che rafforza il lavoro politico dell’opposizione di sinistra”.