Sesto Fiorentino: Democratici per Sesto “la chiusura del Punto in centro è una scelta politica”

SESTO FIORENTINO – “Imputare la chiusura del Punto in Centro della Biblioteca di doccia al contenimento della spesa pubblica imposta dalla crisi economica ci sembra ‘grossa’,visto che il corrispettivo per l’utilizzo del locale emeroteca ammonta alla fantastica cifra di 1500 euro all’anno, 125 euro al mese”. E’ il commento di Andrea Santoni portavoce della lista civica Democratici per Sesto all’annuncio della chiusura del Punto in centro. “Queste cifre – prosegue Santoni – fra l’altro, venivano detratti dal canone di affitto che la Polisportiva deve corrispondere al Comune. Così come ci appare scontato che l’utenza del Punto lettura fosse costituita prevalentemente, forse qualche numero ci aiuterebbe a capire meglio, da frequentatori della Polisportiva”e, per giunta, domiciliati in centro e forse in là con gli anni e che comunque non frequentavano la Biblioteca di Doccia. Riteniamo che sarebbe stato più onesto, soprattutto nei confronti dei frequentatori residenti in centro e non solo, dire, molto più semplicemente, che è stata una decisione politica che ci attendevamo da tempo e che, ovviamente, non condividiamo”.