Trasporto sociale: la Sds Nordovest organizza le associazioni del volontariato

PRATOLINO (VAGLIA) – Cambierà da settembre l’organizzazione del trasportosociale finora garantita, sul territorio della Sds Nordovest, da decine di associazioni del volontariato.  Lo ha annunciato, nel corso di un convegno che si è tenuto questa mattina a Villa Barellai a Pratolino dove si tiene Agosto anziani promosso dall’associazione anziani di Sesto, Renato Boni rappresentante nelal Sds Nordovest per “Terzo settore”.

“Adotteremo un sistema unico per tutto il territorio dove, finora, ogni associazione si è mossa in maiera autonoma – spiega Boni – adotteremo il metodo esculapio attraverso il quale viene garantito il trasporto in caso, ad esempio, di dimission iospedaliere”.

il sistema, nelle intenzioni della Sds, è che un veicolo di un’associazione di una certa località possa effettuare servizio di trasporto per cittadini anche di altri comuni in modo da non effettaure viaggi a “vuoto” rendendo il più economico possibile il servizio garantendo efficienza e qualità

Per questo progetto la Sds Nordovest ha messo a disposizione 950mila euro per il primo anno di esercizio.

“Il trasporto sociale garantisce gli anziani e alcune categorie deboli – conclude Boni – per recarsi a visite mediche, prelievi, esami diagnostici o terapie particoalri”.

I termini e le modalità della riorganizzazione del servizio di trasporto sociale nei comuni della Sds saranno illustrati in un’apposita conferenza stampa nelle prossime settimane.