A Sesto niente tram a vapore

SESTO FIORENTINO – E’ ragionevole ritenere, e le nostre ricerche lo hanno confermato, che ormai nessun sestese ricordi di aver visto il tram a cavalli che dal 25 settembre 1881 al 9 dicembre 1889 collegò Sesto al capoluogo. Tuttavia molte sono le notizie trasmesse oralmente che hanno aiutato e consolidato questo lavoro di ricostruzione storica. […]

Il vecchio ponte sull’Arno, tra storie e leggende

Il ponte sull’Arno che collegava Signa all’altra sponda risale a tempi antichi, non si esclude addirittura che in zona passasse la via etrusca del ferro. Sicuramente ne fu costruito uno in pietra, con sette archi, in epoca medievale, come testimonia anche lo stemma comunale. Si trovava dove adesso c’è la passerella pedonale, costruita nel secondo […]

L’arrivo del treno a San Donnino, che spaventava le mucche

CAMPI BISENZIO – C’è stato un tempo, non troppo lontano, in cui il treno che usiamo quotidianamente veniva visto con sospetto. E’ quanto accaduto a San Donnino nell’Ottocento. Nel 1839 iniziarono i lavori per realizzare la linea della ferrovia tra Firenze e Livorno, la “Leopolda” e la prima stazione ad essere costruita fuori dal capoluogo fu quella […]

La colonna di piazza Cavour, tra storia e mistero

SIGNA – La colonna di piazza Cavour è conosciuta da tutti i signesi ed è uno degli elementi caratteristici del centro della città. Ma anche uno dei più misteriosi. Nel libro “Scritto su pietra” di Giampiero Fossi, si cita una lettera degli anni Cinquanta in cui l’autore, Luigi Mari, parla della storia di Signa e […]

Quando Carlo Conti faceva il dj a Radio Globo a Sesto

SESTO FIORENTINO – Ha condotto con successo “Sanremo” e sembra che sia già prenotato anche per l’edizione 2017. Ma Carlo Conti, che ora calca il palco dell’Ariston, ha frequentato anche gli studi sestesi. Sì, perché non tutti sanno che sul finire degli anni Settanta, Conti frequentava le stanze di un terratetto in via Scardassieri, a […]

torre castello signa

Come Castruccio Castracani devastò la Piana (2)

Dopo la battaglia di Altopascio del 25 settembre 1325, pronto a conquistare Firenze, Castruccio scelse Signa, che dal 1262 era rocca fortificata alle truppe guelfe, come luogo in cui porre il suo quartier generale. Il 29 settembre occupò tranquillamente borgo e castello, che secondo lo storico Villani erano stati lasciati in balia del nemico dai […]

Come Castruccio Castracani devastò la Piana (1)

Negli ultimi anni periodicamente al castello di Calenzano si tiene una bellissima manifestazione in abiti medioevali, con tanto di balestre e armature, per rievocare l’assedio di Castruccio Castracani. Ma chi era costui, e di che episodio si tratta? Facendo brevi ricerche si può dire che Castruccio fa parte di quella schiera di personaggi davvero notevoli […]

Macché dischi volanti: ecco perché si dice “A ufo”

Dopo il “toni” (http://www.piananotizie.it/curiosita/chi-si-mette-il-toni/), proviamo a trovare l’origine di un’altro modo di dire diffuso soprattutto nel fiorentino, ma presente in altre varianti anche nel resto d’Italia: “a ufo”. Inteso non come dischi volanti, ovviamente, ma come gratis. La storia più conosciuta, data per buona addirittura dal sito dell’opera del Duomo, è che l’espressione derivi dalla […]

Lanciotto Ballerini e Valibona (2)

CAMPI BISENZIO – Dopo una prima fase di spedizioni tra la popolazione civile per recuperare il vettovagliamento e le armi necessarie, la formazione dei Lupi Neri cominciò l’azione vera e propria. A comporre la formazione c’erano circa 46 uomini, ma al momento della battaglia di Valibona la formazione si era ridotta a 17 unità, perché […]

Lanciotto Ballerini e Valibona (1)

CAMPI BISENZIO – Se settembre nei vari Comuni della Piana è il mese in cui viene celebrata la Liberazione dal nazi-fascismo, è l’occasione giusta per ricordare un eroe nazionale tutto campigiano, e una vicenda tutta calenzanese: Lanciotto Ballerini e la battaglia di Valibona. Su Lanciotto, alla cui memoria Campi ha dedicato una piazza in centro, […]