Signa: stasera si celebra la Liberazione. Le cerimonie dedicate ai signesi che combatterono per la liberazione del Nord Italia

SIGNA – Questa sera alle 21 in piazza della Repubblica di fronte al Comune si terrà il concentramento delle delegazioni che parteciperanno alle celebrazioni della Liberazione del 1944. Alle 21.15, in piazza Cavour, sarà reso omaggio alla memoria dei Caduti e, alle 21.30, la cerimonia ufficiale durante la quale interverrà Marco Venturi sindaco di Alfonsine (FE) che fu la prima città liberata del rifondato Esercito Italiano. Molti furono i signesi che, con la loro città già liberata dai nazifascisti, si arruolarono volontari per proseguire la lotta contro gli invasori e gli oppressori. Fra questi si ricordano Enzo Desideri, Claudio Bigagli e Manlio Romoli furono uccisi durante la Battaglia del Senio. Non tornò più a Signa neppure Eberle Paoli,  partigiano ucciso vicino Marzabotto, e Athos Bonardi, organizzatore degli scioperi operai alla Pignone, deportato e fatto morire a Mauthausen dai Tedeschi.
A loro il comune di Signa dedicherà le celebrazioni della liberazione.
La cerimonia sarà accompagnata dalla filarmonica G. Verdi di Signa e dalla voce di Selene Samà.