Calenzano: il ciclismo, i giovani e il futuro nelle esternazioni di Alfredo Martini

CALENZANO – L’ex Ct della Nazionale di ciclismo Alfredo Martini è tornato nella sua Calenzano. Martini, 91 anni, vive da quando aveva 14 anni a Sesto dove si era trasferito con la famiglia da Calenzano, sua città orignaria dove viveva al Molino. Martini è strettamente legato a Sesto (il padre lavorava alla Ginori, anzi alla Manifattura di Doccia) ma non dimentica le sue origini calenzanese dove, fra l’altro, il padre gli comprò la prima bicicletta.

La sua gioventù ma anche le sue riflessioni sull’oggi e il domani sono state al centro di una serata dedicata alla presentazione di Ottobrinsieme al circolo Mcl di Settimello. Il 23 settembre sarà organizzata la corsa ciclistica “Sulle strdae di Alfredo Martini” che porterà ciclisti e cicloamatori sui percosi dell’ex Ct della Nazionale gregario di Bartali. maglia rosa al Giro (“tranquilli l’ho tenuta un giorno solo” ha riso Martini), vincitore di un giro del Piemonte. La gara partirà e arriverà a Settimello passando per le Croci e il Mugello prevedendo due percorsi: uno per cicloamatori l’altro, più lungo, con caratteristiche agonistiche.

Ma Alfredo Martini ha parlato soprattutto del futuro disprezzando il doping e cercando le motivazioni per uno sport genuino e più sincero per chi lo pratica e per chi lo ammira.

Ecco alcuni spezzoni del suo intervento:

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=LDCcUd_GuvA]

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=6jDlg_DpVRI]

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=WYbK0zHQCZo]