Calenzano: il Comune garantisce i collegamenti sostitutivi della linea Ataf 99

CALENZANO – Eliminata la linea Ataf 99 la soluzione trovata dai Comuni è stata quella di farsi carico direttamente degli utenti residenti sul proprio territorio garantendo così la continuità del servizio spostando gli utenti ex-99 sui trasporti sociali comunali, gestiti dall’associazionismo in convenzione. “La decisione di Ataf era stata comunicata con un preavviso minimo – dice l’assessore Enrico Panzi – e solo l’impegno della Provincia e dei Comuni coinvolti ha permesso di gestire la scadenza prorogandola fino alla messa in atto di soluzioni alternative. Permettere a persone disabili di potersi recare nei luoghi di lavoro è una misura elementare di civiltà” “Non è un’operazione a costo zero – dice l’assessore Panzi – come si può immaginare, poiché la differenza fra il costo vivo del trasporto e il contributo dell’utente grava sul Comune. Pur in questa fase così delicata, il Comune di Calenzano mantiene il livello dei servizi sociali propri e in più si fa carico di servizi lasciati improvvisamente vacanti: questa capacità di risposta immediata è la vera ricchezza degli Enti Locali, lasciati soli troppo spesso dalla politica nazionale”.