Daniele Buzzegoli, un lastrigiano in serie A con la maglia del Benevento

LASTRA A SIGNA – La festa per la promozione in serie A del Benevento è esplosa al triplice fischio finale del confronto casalingo con il Carpi vinto per 1-0 (all’andata la partita si era conclusa a reti inviolate). E fra i protagonisti della festa giallorossa, ma soprattutto della storica annata del Benevento, con 30 presenze – su 42 partite – e 2 reti, c’è stato Daniele Buzzegoli, lastrigiano doc, nato calcisticamente proprio nella fila della Lastrigiana. Un lastrigiano in campo, altri tre toscani insieme a lui (Cragno e gli ex viola Venuti e Camporese) e un fiorentino, Marco Baroni, in panchina: il quadro è completo. Daniele Buzzegoli lo avevamo conosciuto l’anno scorso in occasione di un’iniziativa organizzata nell’ambito di “Un calcio per tutti” (nella foto sotto), il progetto promosso da Lastrigiana Calcio e Malmantile in collaborazione con Comune di Lastra a Signa, Figc, sezione di Malmantile della Misericordia di Lastra a Signa e LND – Delegazione Provinciale di Firenze, e ci sera sembrato subito una bella persona. Il progetto, infatti, offre la possibilità di avvicinare bambini e bambine dai 5 ai 16 anni con disabilità intellettive e fisiche medio-gravi al gioco del calcio, utilizzandolo come strategia di integrazione. E nell’occasione Buzzegoli aveva raccontato, letteralmente con il cuore in mano, la propria esperienza di genitore di un bambino con disabilità. Oggi lo abbiamo sentito al telefono, direttamente da Benevento, e abbiamo avuto la stessa ottima impressione: “Sinceramente – ha detto – non ho ancora capito quello che è successo, è stata una festa pazzesca così come sono stati pazzeschi i tifosi che hanno riempito lo stadio tutto l’anno e in modo particolare ieri sera con oltre 20.000 persone sugli spalti. Una volta usciti dallo stadio, poi, abbiamo fatto un giro della città su un pullman scoperto ed era praticamente impossibile muoversi”. La festa, la spontaneità di quei momenti si è sentita anche dalle parole di Buzzegoli, un lastrigiano in serie A. Che non dimentica i quattro anni trascorsi a Novara, che è sicuramente soddisfatto della scelta fatta la scorsa estate (“Una scelta felicissima”) ma che ha anche un occhio rivolto al futuro: “A Benevento sono stato e sto molto bene, ho ancora un anno di contratto e nei prossimi giorni ci incontreremo con la società. Una cosa è certa: la soddisfazione di aver vinto il campionato con questa maglia me la tengo davvero stretta”.