Gandola (Forza Italia) “Maggioranza tenuta insieme solo da interessi di partito”

CAMPI BISENZIO- “Il Consiglio sulla strategia Rifiuti Zero e contro l’inceneritore di Case Passerini, è stata l’ennesima dimostrazione plastica di una maggioranza che è tenuta insieme solo da interessi di partito e personali, il tutto a scapito dei cittadini”. E’ quanto sostiene il capogruppo di Forza Italia, Paolo Gandola.
“Durante la seduta abbiamo assistito, increduli – dice Gandola – ad una messa in scena ipocrita da parte di alcuni esponenti della maggioranza che sostiene Fossi in Consiglio, vedasi, ad esempio, ’intervento del Consigliere dell’Italia dei Valori Mattia Ridolfi. Il suo, nello specifico, è stato un tentativo maldestro di spiegare l’inspiegabile, ovvero l’essere a parole contro l’inceneritore, giusto per strappare qualche consenso e qualche applauso, e, nei fatti, a favore dello stesso. Il suo sostegno, cieco e miope, praticamente incondizionato alla maggioranza e alla Giunta Fossi è l’emblema dell’impotenza politica dell’Idv, del suo consigliere e dell’Assessore che il partito esprime in giunta nonché la dimostrazione provata di una commistione di interessi che impone loro, di rinnegarsi e  di restare al seguito del carro del vincitore pur  se la direzione seguita cozza con quanto da loro affermato fino ad oggi”.
Secondo Gandola la “cosa più grave” è “l’assoluto disinteresse dell’amministrazione al problema amministrativo-burocratico legato alla costruzione e messa in funzione dell’impianto di incenerimento che sarà realizzato a pochi passi da Campi Bisenzio”.
Gandola nel consiglio ha ribadito la netta contrarietà di Forza Italia “alla localizzazione dell’inceneritore a Case Passerini, definendo scellerata la decisione della Provincia e della Regione di posizionare proprio in quella zona l’impianto. La nostra città – dice Gandola – è già fortemente compromessa da un punto di vista ambientale e sanitario e l’inceneritore sarebbe una nuova bomba ecologica che non possiamo permetterci”.
Gandola a nome di Forza Italia lancia un appello ai giovani consiglieri di maggioranza: “Dinanzi alla salute dei cittadini e alla salvaguardia della propria comunità occorre destarsi, non è possibile per mera e cieca apparenza politica rifugiarsi nel silenzio per opportunità politica. Vi sono momenti, nella vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo. Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre”.