Gli auguri virtuali per la Biblioteca CiviCa che compie 5 anni

CALENZANO –  Mandate un messaggio virtuale di auguri alla Biblioteca: è l’invito che rivolgono gli operatori di CiviCa a tutti i lettori che vogliono feseggiare i primi cinque anni della biblioteca. Partecipare è semplice: basterà mandare un breve video, con messaggio di auguri al massimo di 20 secondi, a [email protected] I contributi saranno poi pubblicati […]

CALENZANO –  Mandate un messaggio virtuale di auguri alla Biblioteca: è l’invito che rivolgono gli operatori di CiviCa a tutti i lettori che vogliono feseggiare i primi cinque anni della biblioteca. Partecipare è semplice: basterà mandare un breve video, con messaggio di auguri al massimo di 20 secondi, a [email protected] I contributi saranno poi pubblicati sui social, andando a creare una carrellata di pensieri per CiviCa, in un momento in cui ancora non si sa quando la biblioteca potrà riaprire.

“Avevamo pensato grandi cose per il quinto compleanno – ha dichiarato l’Assessore alla Cultura Irene Padovani – Ospiti importanti sarebbero dovuti venire a trovarci, per portare il proprio contributo nella nostra accogliente realtà culturale. Purtroppo questo non sarà possibile, ma non lasceremo soli i nostri affezionati utenti, che in queste settimane ci hanno fatto sentire tutta la loro vicinanza. La cultura è un servizio essenziale, ha rischiarato i giorni più bui e sono i numeri a dimostrarlo. Tutto questo lo terremo ben presente quando l’emergenza sarà finita”.

Un servizio che non si è fermato, che si è rimodulato per continuare a dare una risposta. Una risposta che è stata molto gradita. In un mese gli accessi al sito sono stati 3500 e 17mila le pagine visitate. Anche il prestito a domicilio ha avuto un grande successo, facendo registrare ben 250 richieste nella prima settimana.

“Ringraziamo le tante realtà che da anni collaborano con CiviCa e con la cultura a Calenzano – ha concluso Padovani -, che si sono subito rese disponibili, gratuitamente, a fornire contenuti di grande qualità. E ringraziamo anche lo staff di CiviCa e del servizio cultura, senza i quali non sarebbe stato possibile. Una grande squadra, un bene primario per Calenzano”.