“Il libro del rifugio” – Campi Bisenzio, il consiglio comunale unito contro il virus e contro la violenza sulle donne

CAMPI BISENZIO – Distanti, fra bari gruppi consiliari, politicamente – e anche fisicamente in questo periodo – ma uniti contro il virus e la violenza sulle donne. E a favore del 1522, il numero di telefono attivato nel 2006 dal Dipartimento per le pari opportunità, attivo 24 ore su 24, in più lingue, che garantisce […]

CAMPI BISENZIO – Distanti, fra bari gruppi consiliari, politicamente – e anche fisicamente in questo periodo – ma uniti contro il virus e la violenza sulle donne. E a favore del 1522, il numero di telefono attivato nel 2006 dal Dipartimento per le pari opportunità, attivo 24 ore su 24, in più lingue, che garantisce una prima risposta ai bisogni delle vittime di violenza di genere e di stalking. Un’altra risposta, simbolica ma efficace, è stata quella data dal consiglio comunale di Campi che, nella seduta di martedì in streaming, ha visto tutti i consiglieri, di maggioranza e di opposizione, il sindaco e la giunta indossare una mascherina, di colore rosso, su cui è ben impresso il numero 1522. E di risposte ne serviranno altre anche in futuro, visto che in questo periodo di emergenza sanitaria e di clausura, i casi di violenza sulle donne sono aumentati. Fra il 2 marzo e il 5 aprile, infatti, al culmine del lockdown, le richieste di aiuto da parte di donne ai centri antiviolenza sono aumentate del 75% rispetto all’anno scorso: 2.867 i casi segnalati, 1.224 in più se paragonati alla media mensile registrata nel 2018 negli oltre 80 centri sparsi per l’Italia. Ben vengano, quindi, iniziative come quella del consiglio comunale campigiano, iniziativa nobilitata ulteriormente dal fatto che le mascherine sono state confezionate interamente a mano dalla consigliera Santa Murgia per tutti. Murgia, infatti, è stata la prima presidente della VI Commissione, una commissione da sempre molto sensibile e attenta al tema della violenza di genere. “Un gesto semplice, carico di attenzione e cura verso un’emergenza che non si arresta e che purtroppo non ha carattere di periodicità, – spiega la presidente del consiglio comunale Eleonora Ciambellotti – il nostro consiglio comunale ha da sempre lavorato, grazie in particolare alla VI Commissione sul tema della violenza di genere, in collaborazione con molte associazioni, anche del territorio. Un messaggio che non ha colore politico, ma che riflette il modo più alto di esercitare la politica stessa: esserci per chi è in difficoltà, per chi subisce discriminazioni e violenze. Un enorme ringraziamento a tutti i consiglieri, sempre impegnati e uniti in azioni a favore delle “pari opportunità” in ogni ambito della vita sociale e comunitaria”.

[email protected]