Malmantile, “soffia il vento del cambiamento” per prima squadra e Juniores

LASTRA A SIGNA – Soffia forte il vento del cambiamento sul bellissimo manto erboso dello stadio Comunale di via De Gasperi di Malmantile. Non una gelida tramontana ma piuttosto una tiepida brezza estiva che porta con sé entusiasmo, competenza, amicizia, un interessante progetto di crescita ma soprattutto, una gran voglia di riportare in alto il vessillo amaranto. E stavolta non ci troviamo di fronte ai consueti buoni propositi che all’inizio di ogni stagione sportiva animano il dibattito legato al mercato bensì alle caratteristiche del nuovo staff tecnico presentato dal presidente Roberto Biondi nei locali dell’impianto sportivo della frazione di Lastra a Signa e al quale hanno preso parte dirigenti e consiglieri della società.

E’ stato un cambiamento radicale quello che ha interessato il team che si occuperà della prima squadra e degli Juniores ma la prima, grande novità è quella legata al nome dell’allenatore che guiderà il gruppo che, dopo l’amara retrocessione ai play-out, ripartirà dal campionato di Seconda categoria. Così la guida della prima squadra è stata affidata a Michele Massimillo. Per chi è di Malmantile, ancora prima di essersi consacrato come allenatore in tutti i settori giovanili nei quali ha operato, “il Mago di Arma di Taggia” è un’autentica icona. E non è, dunque, un caso se la scelta della dirigenza amaranto sia caduta su un tecnico che nella prima metà degli anni Duemila, guidando il gruppo dei ragazzi classe ’92 al successo nel campionato Giovanissimi B, contribuì al raggiungimento di un apice mai più toccato finora dal settore giovanile amaranto.

I recenti trionfi ottenuti da Massimillo sulla panchina della formazioni giovanili della Lastrigiana (su tutti il primo, storico titolo regionale conquistato dagli Juniores biancorossi al termine della stagione 2014/2015) hanno spinto il presidente Biondi a concedergli l’opportunità di guidare una prima squadra. Al suo fianco, un vice di grande esperienza calcistica: si tratta di Claudio Gabuzzini, che dopo aver calcato, una trentina di anni fa, i campi della serie C indossando la maglia della Cerretese, ha deciso di mettere tutto il proprio bagaglio d’esperienza tecnica al servizio di un progetto ambizioso e stimolante. Alla sua prima esperienza nel ruolo che la dirigenza gli ha affidato, è anche il nuovo ds Massimo Caroti. Grande conoscitore e appassionato di calcio, nonché esperto e competente uomo di sport, l’erede di Francesco Mori affronta questa avventura con il grande entusiasmo che l’ha sempre contraddistinto anche in veste di semplice tifoso. Per lui Malmantile rappresenta una bella sfida, una di quelle da affrontare con la consapevolezza di avere ben chiari gli obiettivi di un progetto a medio termine il cui traguardo è ben definito: permettere alla prima squadra di riconquistare un ruolo da protagonista sul palcoscenico della Prima categoria. Per questo motivo la società ha deciso di alzare l’asticella dotandosi anche di preparatori di ottimo livello e di grande esperienza. Nonostante la sua giovane età, è già ricco di spunti il curriculum del nuovo preparatore atletico amaranto: Lorenzo Batelli. Classe ’92, formatosi calcisticamente nel Casellina, è stato talmente convinto dal progetto, da essere addirittura sceso di tre categorie. Batelli era, infatti, il preparatore atletico del Signa 1914, formazione che milita nel campionato di Eccellenza. Di “eccellenza” anche l’inscindibile coppia dei preparatori dei portieri composta da Gianluca Giannelli e Lorenzo Morali. Un’altra grande novità è rappresentata dall’area comunicazione affidata alle cure di Nico Morali. Per cinque anni responsabile area comunicazione della Lastrigiana, storico collaboratore del settimanale sportivo “Calciopiù” e del sito Internet specializzato campionando.it, nella stagione appena terminata ha operato all’interno dei quadri societari dell’Atletica Castello: “l’uomo giusto al posto giusto”, insomma. Un collaboratore fondamentale che potrà contribuire a far volare in alto il Malmantile anche sotto il profilo mediatico. Fra le tante novità, spunta anche una gradita conferma: quella, alla guida della formazione Juniores provinciali, di Francesco Carota.