Nuovo look per il bar della Casa del popolo di Tripetetolo

LASTRA A SIGNA – Inaugurati ieri mattina i rinnovati locali del circolo Arci Le Due Strade Tripetetolo: un ambiente più accogliente e moderno accoglierà i soci che decideranno di trascorrere al circolo queste torride giornate estive, approfittando anche della nuova aria condizionata. Ma non solo ovviamente. La “cerimonia” di inaugurazione è iniziata nello spazio esterno della Casa del popolo, per proseguire proprio nel bar, dove i volontari avevano preparato un buffet per tutti i presenti. Una volta tagliato il nastro c’è stato spazio anche per i discorsi ufficiali; infatti, oltre al presidente Federico Borgioli e a membri della segreteria e del consiglio del circolo, sono intervenuti anche Jacopo Forconi (presidente Arci Firenze) e il sindaco Angela Bagni.  Nei loro interventi Borgioli e Forconi hanno sottolineato l’importanza del volontariato, soprattutto in tempi come quelli che stiamo vivendo, caratterizzati da un sentimento diffuso di diffidenza verso l’altro. “Invece” hanno concordato sull’importanza di “vedere persone lavorare insieme per mantenere viva e attiva una comunità come la nostra Casa del popolo: tutto ciò dà un segnale di speranza per questo nostro mondo: non tutto è “perduto” ma, anche partendo da una realtà piccola come la Casa del popolo, come Lastra a Signa, possiamo sperare di ricostruire una società dove si lavora insieme solamente per il bene comune, senza guardare agli interessi personali” . A questo proposito Borgioli ha sottolineato come, “anche per quanto riguarda i lavori del bar, ci si sia avvalsi delle competenze dei volontari, “senza i quali sarebbe stato molto più complesso arrivare al risultato che oggi festeggiamo”. Anche Angela Bagni ha voluto salutare così la Casa del popolo di Tripetetolo: le sue parole hanno sottolineato “il ruolo centrale dei circoli nella vita del paese, e la necessità di una fattiva sinergia fra queste realtà e l’amministrazione comunale. Non dobbiamo dimenticare la storia di questo circolo: infatti oggi guardiamo non soltanto a Tripetetolo come è attualmente, ma anche a come è stato in passato: ossia un centro pulsante di attività sociali e culturali che tanto hanno dato alla comunità di Lastra a Signa. E vogliamo lavorare perché tutto ciò sia ancora possibile”.