Sesto Fiorentino: scandalo alla Motorizzazione. Restituivano i punti patente per carne, frutta e formaggi

SESTO FIORENTINO – La Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Stradale per la Toscana di Firenze ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 11 persone, adesso agli arresti domiciliari, notificando l’avvio della procedura di applicazione della misura della sospensione dall’esercizio nei confronti di 9 pubblici ufficiali, (tra i quali dipendenti della Motorizzazione Civile di Sesto Fiorentino) a seguito di un’ordinanza emessa dal gip Anna Liguori del Tribunale di Firenze, in relazione ai reati di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, truffa aggravata ai danni dello Stato, falso ideologico in atti pubblici ed accesso abusivo a sistemi informatici.

Le indagini erano state condotte dalla primavera del 2011 quando erano state riscontrate irregolarità inerenti i corsi di recupero dei punti delle patenti di guida a carico di un’autoscuola, notizia supportata anche da una puntata del 2010 della trasmissione televisiva “Striscia la Notizia” intitolata “Patenti Facili”.

In sostanza, tecnici ed ingegneri “compiacenti” del locale ufficio della Motorizzazione, agevolavano il superamento della prova pratica di guida per i candidati delle autoscuole dietro il compenso delle più varie tipologie di prodotti o merc: casse di frutta, di verdura, confezioni di formaggi e notevoli quantitativi di carne, nonché prodotti e componenti di elettronica, ricariche per cellulari, interventi di riparazione di veicoli, pieni di benzina, buoni carburante e pranzi o cene anche in occasione di ricorrenze.