Un condominio di “legno e sughero” a Quinto Basso

SESTO FIORENTINO – Un condominio di “legno e sughero” sarà presto abitabile in via Marsala. Si tratta di 15 unità immobiliari di dimensioni diverse, che vanno da 3 a 5 vani da 70 a 100 mq con giardino e garage, costruiti secondo la bioarchietturra, ma con l’utilizzo di materiali come il sughero, il primo esempio di questo tipo nella provincia di Firenze. Il condominio sorge in un’area recuperata, mentre per le strutture è stata usata la “tecnologia Cross Laminated Timber, a pannelli a strati incrociati di legno, realizzata interamente Made in Italy”. Un sistema, spiegano i tecnici, che permetterà di avere un risparmio energetico.

“Questo intervento ha un’importanza enorme nel panorama dell’edilizia di qualità, – dice l’architetto Emanuele Garufi – la lungimiranza dei committenti ha fatto sì che i temi della sostenibilità ambientale e dell’efficienza, fino ad oggi obbiettivo spesso dell’iniziativa privata, di chi cerca per la propria abitazione il meglio, siano diventati concretamente una proposta da immettere sul mercato con convinzione, come strumento imprenditoriale volto ad incontrare una richiesta e una sensibilità per la qualità dell’abitare sostenibile sempre più matura e attuale sul mercato”.

Questa mattina l’edificio, in fase di costruzione, è stato visitato da un gruppo di tecnici ed architetti. Al sopralluogo ha partecipato anche il vicesindaco Damiano Sforzi: “Ospitare nella nostra città un edificio così moderno e innovativo – ha detto – che va incontro alla tutela dell’ambiente, è per noi un pregio”.

Il costo di ogni appartamento, spiegano i tecnici, è equivalente agli standard del mercato sestese, ad incidere sono soprattutto gli “accessori” come il cancello realizzato in esclusiva, il sistema di videosorveglianza interna, gli ampi spazi verdi e le mansarde. I lavori si concluderanno a maggio del 2018.