Calenzano: finanziamenti ai partiti, discussione in Consiglio

CALENZANO – Finanziamenti ai partiti: abolirli o no? Il dibattito è arrivato anche in consiglio comunale, dove la consigliera del Centrodestra Beatrice Simonetti proponeva tout court di abolire ogni forma di finanziamento, mentre una mozione del gruppo Pd ha promosso l’appoggio alla proposta di revisione già al vaglio in Parlamento. Svariati gli interventi sul tema. “Il finanziamento pubblico ai partiti è la naturale conseguenza del riconoscimento che la Carta Costituzionale dà al ruolo dei partiti- ha detto l’assessore al bilancio Paolo Cappelletti- non votai l’abolizione dei finanziamenti nel ’93, non la voterei oggi”. “Io sono d’accordo con Simonetti, andrebbero tolti- ha commentato invece il consigliere Idv Giannelli- sembra di stare sul Titanic: la barca affonda, e invece di rendersene conto e rinunciare a qualcosa, in Parlamento pensano all’orchestra che suona”. A sostegno della revisione, ma non dell’abolizione, le voci di Tesi del Pd (“I partiti sono l’essenza dello Stato ed è giusto che da esso siano finanziati”) e del sindaco Biagioli, che ha messo in guardia: “se la democrazia non è organizzata, attraverso gruppi e partiti, rischia di cadere in mano dei poteri forti”.