Campi Bisenzio: i Gps continuano a far politica e fondano il progetto “Giovani Democratici”

CAMPI BISENZIO –  I Gps, i Giovani che si sono impegnati per due mesi a sostegno della campagna elettorale per le primarie di Serena Pillozzi, potrebbero continuare l’esperienza politica anche dopo le dimissioni della loro candidata nonostante il deludente risultato elettorale. Sono stati molti i giovani che, grazie a questa esperienza di sostegno all’ex vicesindaco, si sono avvicinato alla politica e al Pd in particolar modo: a seguito del loro impegno l’esperienza potrebbe continuare attraverso un “coordinamento che potrebbe dar vita a un’organizzazione politica riconosciuta, aprendosi e invitando tanti altri giovani campigiani pronti a impegnarsi per la città. Un esempio e una lezione di rinnovamento vero e partecipazione disinteressata”.
“Due mesi di lavoro intenso hanno permesso a noi giovani Campigiani – si legge nella lettera dei giovani – di avere una voce nel mondo della politica locale, dove generalmente gli under 30 sono esclusi. Lavorare per e con Serena è stato una scoperta stimolante che ci ha permesso di proporre idee innovative per la nostra città del futuro. Un’esperienza nuova che ci ha appassionato ed unito. Se questi lunghi mesi di campagna elettorale sono stati per noi elettrizzanti dobbiamo rendere grazie a Serena che ci ha aiutato a crescere politicamente ascoltando e condividendo le nostre idee garantendoci sempre la libertà di esprimerle,in modo corretto,sobrio e pulito, esattamente come lei. In altre parole ha aperto le porte della politica locale a noi giovani sollecitandoci a non mollare mai, neanche di fronte ad una sconfitta”.
I Gps, abbracciando l’idea che la politica sia una scelta di “servizio”, approvano la scelta di Pillozzi di dimettersi dall’incarico ricoperto nella giunta Chini, propongono a tutti i giovani che hanno animato il confronto politico nella campagna elettorale delle primarie a confluire nel loro progetto che si chiamerà “Giovani Democratici”.