Forza Italia Giovani, domani la “prima” a Sesto e a Campi

SESTO FIORENTINO/CAMPI BISENZIO – “Sogni e speranze dei giovani italiani in tempo di crisi.  Forza ragazzi, icchè si fa?”: con questa prima campagna informativa, dedicata a un tema attuale e drammatico come quello della disoccupazione giovanile, “debutterà” domani sia a Sesto che a Campi  il movimento Forza Italia Giovani.  A comunicarlo sono Marco Allegrozzi, coordinatore sestese di Forza Italia, ed Elisa Lotti, coordinatrice di Forza Italia a Campi Bisenzio: “Siamo davvero felici e orgogliosi  che  per la prima volta sia a Sesto che a Campi Forza Italia possa essere affiancata da un gruppo di giovani, appassionati  che contribuiranno con il loro talento e le loro capacità, nei tempi e nei modi che riterranno opportuni, a espandere e radicare maggiormente il nostro partito nelle nostre realtà locali. Grazie al contributo e all’impegno di Samuele Gallorini, primo coordinatore Forza Italia Giovani Sesto, e ad Angelo Victor Caruso, primo coordinatore Forza Italia  giovani a Campi,  daremo così avvio a  una  nuova entusiasmante fase che consentirà nostro partito di tornare a parlare ai giovani che, pur rappresentando il futuro della nostra società,  soffrono in questi anni e più di altri,  degli effetti disastrosi della crisi economica”. Domani dalle 10 alle 13 in piazza Vittorio Veneto ci sarà quindi la “prima” dei giovani azzurri sestesi, mentre il pomeriggio dalle 15 a Campi Bisernzio in piazza Dante si terrà il gazebo dei giovani azzurri campigiani.
“Come primo tema per dare il via alla nostra attività – dichiarano i responsabili giovani  Caruso e Gallorini – abbiamo ritenuto opportuno collaborare con i giovani azzurri di Prato coordinati da Simone Spezzano e occuparci della disoccupazione giovanile. Un vero e proprio dramma sociale purtroppo per nulla attenuato dall’entrata  in vigore del tanto decantato Jobs Act del Governo Renzi.
La sensazione è terribile, ci sentiamo esodati di futuro e tutto questo non è che la plastica dimostrazione di come le nostre amministrazioni locali, la Regione Toscana e il Governo abbiano fallito la sfida di dare e costruire fiducia”.