Oggetti smarriti, ecco il nuovo regolamento

SESTO FIORENTINO – Essere distratti va bene, ma a volte si rischia troppo. E’ il caso di chi in quest’anno ha perduto a Sesto un portafoglio con 355 euro e 90 franchi e due bollettini postali con i contanti legati da una graffetta. Si tratta di uno degli oggetti trovati e restituiti ai legittimi proprietari dalla Polizia municipale. In questo caso è andato bene, ma ci sono tanti oggetti dimenticati, abbandonati sul territorio che si ritrovano conteggiati tra gli “oggetti smarriti” e consegnati alla Polizia municipale. Nel 2015 in totale, a Sesto si contano 980 oggetti ritrovati, di cui 20 targhe, 9 cellulari, 147 carte identità e 96 patenti. 866 sono stati riconsegnati ai proprietari.
Da oggi questi oggetti smarriti hanno un nuovo regolamento. Il commissario straordinario Antonio Lucio Garufi, con una delibera, ha approvato il nuovo regolamento comunale per la gestione degli oggetti trovati, che modifica quello attualmente in vigore e datato 1979. Si disciplina così il procedimento per gli oggetti trovati sul territorio comunale, non immediatamente riconducibili ai proprietario e depositati nell’ufficio competente della Polizia municipale.
Tutti gli oggetti ritrovati dovranno quindi essere registrati e i ritrovamenti verranno pubblicati periodicamente sull’albo pretorio del Comune. Trascorso un anno dalla seconda pubblicazione senza che nessuno l’abbia reclamato, il bene sarà a disposizione di chi l’ha trovato dopo presentazione di una specifica istanza e si avranno a disposizione 90 giorni per ritirarlo. Trascorsi questi termini, il bene entra in possesso dell’amministrazione comunale che potrà donarli o alienarli tramite asta pubblica.