Sicurezza, il sindaco Biagioli chiede al Prefetto un aumento del pattugliamento

CALENZANO – Un aumento del pattugliamento del territorio: è quanto ha chiesto al Prefetto il sindaco Alessio Biagioli in relazione agli episodi di microcriminalità. “I furti sono un problema reale, non solo per Calenzano purtroppo ed è necessario denunciarli sempre – afferma il sindaco Biagioli – Ne ho recentemente parlato con il Prefetto, chiedendo l’aumento del pattugliamento del territorio, del quale oltre che i Carabinieri si occuperà anche il Commissariato di Polizia di Sesto Fiorentino”. Il sindaco risponde così al Movimento 5 Stelle che chiedeva per la sicurezza la videosorveglianza. “Le statistiche – spiega il sindaco Biagioli – dicono che i furti a Calenzano sono diminuiti del 30%, probabilmente perché le persone non denunciano e invece le statistiche sono importanti per poter chiedere maggiori pattugliamenti. Sul territorio ci sono 16 telecamere del Comune, ma queste non possono essere usate per pubblica sicurezza, se non su richiesta della Magistratura in seguito a un reato. Cosa diversa sarebbero telecamere a disposizione della Questura e comunque, seppur uno strumento utile, queste non sono risolutive, altrimenti non ci sarebbero reati dove ci sono telecamere e invece non è così. All’opposizione basta cavalcare un problema per accattivarsi il consenso dei cittadini, scaricando sul comune competenze che sono delle forze dell’ordine. Noi preferiamo affrontarli i problemi, nella consapevolezza che una riduzione significativa dei furti non può esserci senza una generale modifica del sistema giudiziario, per avere processi rapidi e pene certe, altrimenti nessun controllo sarà mai sufficiente”.