Ultimo fine settimana per visitare il presepe di Lecore

SIGNA – Ultimo fine settimana per visitare il “Presepe di Lecore”, l’artistico presepe fatto di scatole di cartone e materiale povero. Fino ad oggi circa dodicimila visitatori hanno voluto trascorrere qualche ora all’interno della piccola chiesa di San Pietro a Lecore per ammirare il presepe meditativo che ogni anno sorprende e conquista grandi e piccoli. Raddoppiate le presenze delle scuole e dei gruppi di catechismo rispetto all’anno scorso con oltre un migliaio di bambini e ragazzi in visita dai Comuni di Signa, Lastra a Signa, Poggio a Caiano, Campi Bisenzio, Sesto Fiorentino, Scandicci e Firenze, da 3 anni a gruppi giovanili delle varie parrocchie. “Viste le numerose richieste – spiegano gli organizzatori – è stato deciso di rinviare la chiusura del presepe che il vescovo di Livorno, monsignor Simone Giusti, ha chiesto di mantenere fino a Pasqua perchè la meditazione di quest’anno include appieno il significato della Resurrezione. Tutti i visitatori, compresi i presepisti di “Terre di Presepi”, la rete costituita quest’anno fra i presepi artistici più importanti della Toscana, sono rimasti stupiti dell’originalità della scenografia che si sviluppa in verticale e include lo stesso Crocifisso della Chiesa; soluzione artistica unica nel suo genere e di difficile immaginazione a priori”. “Questo presepe – sono state le parole dell’arcivescovo di Firenze, monsignor Giuseppe Betori, a Lecore in visita privata – è una pastorale importante che può raggiungere tutti, come messaggio in uscita dalla Chiesa come chiede Papa Francesco”. Domenica 18 gennaio alle 18.30 concerto di chiusura del coro di San Lorenzo di Castelfiorentino a sancire il connubio e la grande amicizia nata con altre importanti realtà presepiali della Toscana. Info: 3388864431 – www.presepedilecore.it – https://www.facebook.com/pages/Presepe-di-Lecore/133053256852106?ref=hl