Il primo giorno di scuola: il sindaco Fossi consegna la Costituzione agli studenti

CAMPI BISENZIO – Con l’avvio del nuovo anno scolastico, domani lunedì 17 settembre, il sindaco Emiliano Fossi consegnerà un estratto della Costituzione Italiana a 600 studenti. All’incontro parteciperanno, inoltre, il presidente del consiglio comunale Eleonora Ciambellotti, l’assessore alla pubblica istruzione e servizi alla persona Monica Roso, l’assessore Giorgia Salvatori e i dirigenti scolastici degli Istituti Comprensivi del territorio.

“Attraverso simboli di appartenenza alla comunità – sottolinea Fossi – vogliamo contribuire alla formazione di giovani capaci di cittadinanza, capaci di costruire sicurezza. Abbiamo deciso di consegnare le parole della nostra Costituzione il libro più bello che ci sia, scritto 70 anni fa, ma oggi più che mai attuale e vivo. I giovani rappresentano il futuro della nostra città e vogliamo essere accanto a loro in questa nuova avventura che si apprestano ad affrontare”.

Partirà, anche a Campi Bisenzio, su iniziativa e proposta dei consiglieri comunali, nei prossimi giorni la raccolta di firme per reintrodurre l’educazione civica come materia di studio nelle scuole italiane. Una iniziativa nata da Firenze, fatta propria da Anci e che vede centinaia di città in tutta Italia impegnate nella raccolta di firme per la proposta di legge di iniziativa popolare.

“L’introduzione dell’educazione alla cittadinanza come materia obbligatoria e con voto, in ogni scuola di ordine e grado, è estremamente importante – concludono Fossi e Ciambellotti – si può e si deve partire dalle nostre scuole per formare dei buoni cittadini, rispettosi delle istituzioni e delle regole, per educarli al senso di appartenenza alla comunità in cui vivono”.

Per quanto riguarda le scuole del territorio il Comune fa il punto della situazione. Per gli asili nido sostiene di coprire oltre il 90% delle domande di iscrizione grazie al sistema integrato con i nidi privati convenzionati.
Per la scuola materna non ci sono liste d’attesa nei tre istituti comprensivi “sono rimasti fuori – si legge in una nota del Comune – soltanto pochi bambini non residenti o anticipatari, risulta comunque essere una lista d’attesa di facile riassorbimento, per quest’anno, dunque non abbiamo dovuto stringere accordi con i privati che sono stati preziosissimi negli anni passati”.
Per la primaria “il saldo – prosegue la nota – su tutti gli Istituti Comprensivi è di una sezione in più rispetto all’anno passato. Per la secondaria di primo grado l’amministrazione comunale sostiene “abbiamo istituito 2 sezioni collocate alla nuova scuola Matteucci a conferma della preziosa collaborazione tra istituti del territorio”.

“Quest’anno per la prima volta- conclude la nota – abbiamo lanciato un avviso pubblico per le associazioni e per altri vari soggetti chiamato “un progetto nello zaino” che diventerà un contenitore di progetti al quale le scuole potranno attingere per aumentare l’offerta formativa extra didattica. L’avviso scadrà il 20 settembre dopodiché i progetti pervenuti verranno analizzati da una commissione e, successivamente, presentati alle scuole. Questo va ad aggiungersi ai progetti che già sono presenti nelle nostre scuole grazie al cofinanziamento con la Regione Toscana dei Piani Educativi Zonali”.